Next: abbigliamento bimbi.

Prima di rimanere incinta non seguivo granché la moda.

Figuriamoci poi se sapevo qualcosa di abbigliamento kids. Poi per forza di cose al settimo mese di gravidanza mi sono trovata di fronte alla dura realtà: dovevo cominciare a fare uno straccio di corredino per la piccola in arrivo! E qui realizzai che oltre al classico corredino primi giorni,mi sarebbe toccato fare poi il corredino primi mesi, primi anni ecc.

Non avendo nessuno che mi potesse “passare” la roba usata e avendo in generale poche amicizie ( e quasi tutti coppie senza figli ) dovevo per forza rassegnarmi a dover fare tutta da sola.

E fu così che mi si aprì un mondo… che mi piaceva pure!!

Cominciai con i classici negozi ( Prenatal, Benetton,Zara, OVS, ecc ) poi mi prese la smania per la ricerca del prodotto “particolare”. E qui la rete mi è stata di grande aiuto.

Piano piano vi segnalerò i vari negozietti più o meno piccoli che ho scovato in giro. Ma oggi parto da uno Store con la lettera maiuscola,stra conosciuto in Gran Bretagna.

Come potete leggere qui sopra, Next è un brand molto grande, specializzato in abbigliamento uomo,donna  e bambino. Ha anche una sezione Casa, molto carina.

Io l ho conosciuto per l’abbigliamento bebè che mi ha subito conquistato. I prezzi non sono bassissimi ma la qualità e la cura della merce è ottima. Rispetto ai nostri store, trovo che Next abbia capi veramente carini, rifiniti, curati e poco minimalisti.Pieni di dettagli e disegni adorabili.

Vi lascio anche con una galleria per bimbi più grandi!

Se volete curiosare questo è il link: NEXT

4 Comments

  1. […] fa in un post vi parlai del mondo che mi si spalancò quando diventai madre,ovvero dell’abbigliamento bimbi. […]

  2. […] dalla collezione di  Next ( di cui vi ho già parlato  in un precedente […]

  3. Ciao, hai mai provato la linea in cotone biologico per bambini IOBIO? La trovi qui http://www.pannolinofeliceshop.com oppure qui http://www.pannolinofelice.com

  4. […] dalla collezione di  Next ( di cui vi ho già parlato  in un precedente […]

Lascia qui il tuo commento!